Case mobili: come scegliere e prezzi

Vivere in una casa su ruote? Sicuramente una scelta alternativa, ma possibile. Una scelta di questo tipo può apparire come bizzarra, e rappresenta sicuramente la volontà di vivere fuori dagli schemi, ma le Mobilhouse possono essere considerate come appartamenti a tutti gli effetti. Le case mobili possono essere abitate durante un periodo di vacanza, ma anche tutto l’anno, per viverci con la famiglia. Con questi presupposti, in questo articolo vedremo come devono essere realizzate le case su ruote, e l’eventuale parte burocratica.

Case mobili su ruote: metrature

Ciò che spesso frena maggiormente le persone nello scegliere una casa su ruote, è sicuramente la metratura, che determina di fatto l’abilitabilità della casa stessa. La grandezza delle Mobilhouse è variabile, ma i modelli commercializzati solitamente partono dai 5 ai 10 metri di lunghezza, con una profondità media di circa tre metri. Ovviamente tale scelta andrà fatta sulla base del numero di quanti abiteranno la casa mobile, ma anche sulla tempistica, ovvero per quanto tempo si intende soggiornarvi.

Case mobili: materiali

Le case mobili possono essere considerate delle abitazioni a tutti gli effetti, semplicemente con dimensioni inferiori rispetto a quelle tradizionali. Al loro interno è possibile quindi trovare tutti gli elementi di una casa “normale”, come la camera da letto, il soggiorno, la cucina ed il bagno. Il basamento su cui tutti questi elementi vengono realizzati, è realizzato in un materiale resistente sia all’usura, ma anche al fuoco.

La struttura invece, ovvero lo chassis, è zincata a caldo, ma soprattutto dotata di un assale gommato. Il telaio infine, solitamente è in ferro, mentre pareti e tetto, per garantire il giusto livello di comfort abitativo, sono realizzati in poliuretano coibentatato. Per quanto riguarda i serramenti invece, quindi le finestre e la porta, il materiale più utilizzato è il pvc, e insieme a quello che è il cappotto termico, potranno mantenere più a lungo la temperatura desiderata all’interno delle case mobili.

Come anticipato, uno dei principali criteri di scelta per una casa mobile, è quello della dimensione, quindi della metratura. In caso di famiglia più numerose ad esempio, tale scelta potrebbe ricadere su una casa a due piani, dove solitamente viene posta al piano superiore la zona notte, e a quello inferiori la zona giorno. Senza dimenticare che molto spesso questi modelli sono anche dotati di una pratica e piacevole veranda, che permette di godersi un bel panorama durante le belle stagioni.

Il mercato delle case mobili è sicuramente piuttosto variopinto, e i modelli commercializzati sono infiniti. Definire dei prezzi standard non è di fatto possibile, perché su tale prezzo inciderà notevolmente la dimensione, la qualità degli arredamenti, gli optional, e molto altro ancora. Ad ogni modo, per un appartamentino di piccole dimensioni, quindi di 2 camere, un soggiorno e un bagno, si parte dai 20.000 euro, per arrivare ai 60.000 euro dei modelli top di gamma.

Case mobili: normativa

Nonostante siano dotate di ruote, le case mobili non sono immatricolate, quindi non possono circolare su strada. In parole povere, non può viaggiare come una tradizionale roulotte, ma solamente essere caricata e trasportata su di un camion. La normativa italiana considera una Mobilhouse come un prefabbricato, quindi è necessaria la concessione edilizia per l’installazione all’interno del proprio terreno di proprietà.