Diastema dentale: definizione e correzione

“Diastema” deriva dal greco e significa “intervallo, distanza”. Un diastema dentale è uno spazio che si crea tra due denti contigui. Si tratta di un’alterazione estetica che fa parte della categoria delle malocclusioni, tra cui ricordiamo il morso profondo, aperto o crociato e l’affollamento dentale.

Solitamente il diastema coinvolge i due incisivi superiori centrali, prendendo il nome di diastema interincisivo mascellare. Questa condizione è spesso presente nei bambini, dato che i denti da latte sono più piccoli dei denti definitivi, anche se in genere eventuali spazi sono riempiti con il cambio della dentatura.

In questo articolo, scritto insieme al dentista Gola dell’omonimo studio, esponiamo tutte le possibili cause per cui un diastema dentale può permanere anche in età adulta e presentiamo le terapie oggi più comuni per correggerlo.

Diastema dentale: cause

Un diastema dentale generico si può generare per:

  • Una sproporzione tra la dimensione dei denti e della mascella, che lascia spazio a eventuali distribuzioni errate. Si può avere sia una mascella troppo ampia, sia dei denti troppo piccoli. In entrambi i casi il diastema è favorito.
  • La presenza di cisti dentali, sia follicolari che radicolari, che spingono due denti a restare staccati.

Oltre a queste due cause, il diastema interincisivo mascellare può occorrere anche in presenza di queste situazioni:

  • Un frenulo gengivale troppo lungo o spesso. In questo caso il frenulo ostacola i due incisivi centrali non permettendo loro di unirsi.
  • Degli incisivi laterali scarsamente sviluppati, che impediscono il contatto tra denti contigui.
  • La spinta continua della lingua verso gli incisivi da bambini. In particolare, la tendenza a succhiarsi il pollice oltre i 2 anni o l’uso eccessivo del ciuccio oltre i 3 possono portare a modifiche della dentatura da latte, che sta alla base di quella definitiva.

Questi sono i motivi principali per cui può crearsi un diastema dentale nei primi anni di vita e per cui, di conseguenza, può permanere in età adulta. Se si desidera correggere questo problema estetico è necessario rivolgersi a un ortodontista esperto per essere indirizzati verso la terapia più adatta per sé.

Diastema dentale: terapia

Le terapie per “curare” un diastema dentale sono molteplici e differiscono in base alla situazione di ogni paziente.

La via più percorsa è quella dell’ortodonzia invisibile. Un apparecchio invisibile ha il vantaggio di recare ben pochi disturbi a chi lo indossa e non inficia l’estetica di tutta la dentatura. L’ortodonzia invisibile è adatta sia ad adulti che a bambini e propone principalmente due soluzioni:

  • L’ortodonzia linguale senza attacchi, ovvero un apparecchio vicino ai modelli classici, ma posizionato nella parte interna della dentatura. La sua visibilità è ridotta all’osso tanto da essere considerato, appunto, invisibile.
  • Le mascherine invisibili. Modellate sulla forma della dentatura, correggono il diastema risultando semplici da usare e difficili da individuare.

Se siamo di fronte a un distema interincisivo mascellare è possibile che si renda necessaria anche una frenulectomia. In questi casi, il frenulo che sta tra i due incisivi è la causa principale per la creazione del diastema e, per correggerlo, è necessario procedere con una piccola operazione.

La frenulectomia è un intervento chirurgico veloce e poco invasivo. Una volta terminato l’intervento si può procedere con l’applicazione di una mascherina invisibile o altre tipologie di terapia.

Un ultimo metodo per avvicinare i due denti è applicare corone o faccette dentali. Questa scelta viene presa in presenza di denti deteriorati, che generano il diastema anche il virtù della loro condizione. Corone e faccette dentali permettono di risolvere la situazione direttamente incapsulando il dente con uno strato artificiale composto da ceramica, zirconio o altri materiali adatti e di lunga durata.

Per essere indirizzati sulla terapia più adatta al proprio caso, è necessario consultare sempre un ortodontista esperto.

Leggi anche l’articolo: Scelta dei migliori giochi per neonati più sicuri e divertenti