Categorie
Fai da te

Ecco cosa fare e cosa non fare con il calcestruzzo indurito

Puoi giustamente considerare il calcestruzzo come uno dei materiali da costruzione più durevoli e attraenti in circolazione, ma sapevi che tutto ciò che fai dopo il getto ha lo stesso impatto sulla sua forza del processo di miscelazione? In effetti, la reazione chimica tra cemento e acqua che lega sabbia e ghiaia per formare il calcestruzzo richiede quasi 28 giorni per completarsi completamente. Durante questo processo, noto come idratazione, occorre mantenere l’umidità nel calcestruzzo. Altrimenti, l’acqua che evapora troppo rapidamente dalla superficie, cosa che può accadere facilmente all’aperto e al sole diretto, indebolirà il prodotto finito causando stress e screpolature.

Il controllo di umidità e della temperatura del nuovo calcestruzzo per i primi giorni attraverso l’indurimento ha la massima priorità. Occorre prestare ulteriore attenzione al mix di calcestruzzo durante questo periodo piuttosto che allontanarsi non appena viene versato: in questo modo sarà possibile aumentare l’integrità strutturale del prodotto e renderlo più resistente a futuri inconvenienti. Per i migliori risultati, consulta il nostro elenco delle migliori (e peggiori) pratiche di polimerizzazione prima di affrontare il tuo prossimo progetto.

Spruzzare nuovo calcestruzzo con acqua.

Uno dei metodi più comuni per l’indurimento del calcestruzzo è quello di pulirlo frequentemente con acqua da 5 a 10 volte al giorno, o il più spesso possibile, per i primi sette giorni. Conosciuto come “indurimento umido”, ciò consente all’umidità nel calcestruzzo di evaporare lentamente. Il calcestruzzo indurito con umidità può risultare fino al 50% più resistente rispetto al calcestruzzo indurito senza essere inumidito! La spruzzatura non è raccomandata per il calcestruzzo versato durante la stagione fredda: nel caso in cui stessero scendendo piogge fredde, vedi “Non lasciare che il calcestruzzo diventi troppo freddo” di seguito.

Coprire nuovo cemento.

Qualora non avessi il tempo di far visita spesso al tuo calcestruzzo con un tubo flessibile per un indurimento umido, un’altra opzione sarebbe quella di utilizzare una copertura che potrà intrappolare e rallentare l’evaporazione dell’umidità nella miscela. I fogli di polietilene di almeno 4 mm di spessore o una coperta isolante con polimerizzazione in cemento, entrambi disponibili nei negozi di bricolage, sono adatti a questo compito. Inumidisci accuratamente il cemento, quindi coprilo con la copertura che preferisci, usando mattoni, pietre o altri oggetti pesanti per tenerla in posizione. Rimuovere quotidianamente il lenzuolo o la coperta, bagnare di nuovo il calcestruzzo, ricoprirlo e ripetere per sette giorni. Questa tecnica può essere utilizzata anche per colonne e pareti verticali di cemento bagnandole e avvolgendole con una coperta o un rivestimento di plastica.

Fare lastricare le lastre di cemento armato.

La stagionatura dello stagno è un altro ottimo modo per curare il calcestruzzo e il processo è proprio come sembra: formi delle sacche temporanee attorno a una nuova lastra di cemento, quindi inondi l’area al loro interno con dell’acqua. Tre giorni di stagionatura del laghetto fanno il lavoro di sette giorni di indurimento umido e senza bisogno di una attenzione quotidiana: assicurati solo che il livello dell’acqua rimanga sopra la lastra di cemento. Se cala, dovrai versare altro liquido. Questa tecnica non è alla portata di tutti però perché occorre molto terreno per formare una buona sacca attorno a una grande lastra di cemento. I costruttori di grandi dimensioni possono utilizzare questo metodo per accelerare il processo di costruzione quando si gettano lastre di fondamenta, ad esempio, per iniziare a inquadrare la struttura.

Rendere più semplice il processo applicando un composto indurente.

Se non sono possibili altri metodi, esiste la soluzione più semplice: polimerizzare i composti. Disponibili presso i negozi di bricolage e le aziende di calcestruzzo preconfezionato, contengono emulsioni solubili che formano un film protettivo quando vengono spruzzate direttamente sulla superficie di lastre o pareti di calcestruzzo appena versate. In definitiva, il film fornisce una barriera per impedire all’acqua di evaporare, consentendogli di polimerizzare ad un ritmo costante. Alcuni composti indurenti sono progettati per disintegrarsi completamente dopo un paio di settimane, mentre altri dovrebbero essere rimossi mediante lavaggio dopo il completamento del processo di indurimento. Altri ancora penetrano nella superficie del calcestruzzo, diventando un sigillante permanente che impermeabilizza il calcestruzzo per mantenerlo fresco. Leggere attentamente le etichette del produttore prima di scegliere un composto indurente per assicurarsi che soddisfi le vostre esigenze specifiche.

NON saltare i giunti di controllo in lastre di cemento.

L’obiettivo di tutte le installazioni in calcestruzzo è quello di produrre un prodotto di alta qualità che resista alle rotture. Mentre la polimerizzazione del calcestruzzo contribuirà notevolmente a rafforzare il progetto finito, molte lastre di cemento si spezzeranno comunque, nonostante tutte le precauzioni, a causa del restringimento del calcestruzzo. Per preservare la bellezza della lastra di fronte a queste sfide, i fai-da-te possono posizionare giunti di controllo in posizioni predeterminate per guidare le inevitabili crepe. Queste articolazioni dovrebbero essere poste ad un quarto della profondità della lastra di cemento durante l’inizio del processo di polimerizzazione, entro 24 ore dal getto iniziale. Usando uno strumento di giunzione in metallo, i giunti di controllo possono essere facilmente e agevolmente tagliati sulla superficie del calcestruzzo.

Determinare la distanza massima tra i giunti moltiplicando lo spessore del calcestruzzo pianificato per 2,5. Sentiti libero di metterli più vicini per una maggiore protezione dalle crepe. Su una lastra quadrata più grande, come un patio, ti consigliamo di inserire nel cemento giunti anche perpendicolari, sia verso il basso che attraverso la superficie stessa. Quindi, se il patio della soletta, il vialetto o il marciapiede si incrinano, molto probabilmente lo farà lungo un giunto pretagliato e, quindi, questa usura potrà passare praticamente inosservata.

NON lasciare che il nuovo calcestruzzo diventi troppo freddo.

Il momento migliore per versare il calcestruzzo è quando si prevede che le temperature rimangano sopra i 20 gradi per 5-7 giorni, ma i piani possono andare storti con l’arrivo di un fronte freddo inaspettato. Quando ciò accade, l’importanza si sposta dal mantenere umido il calcestruzzo al mantenerlo abbastanza caldo da non interrompere il processo di indurimento chimico. La reazione chimica del calcestruzzo rallenta a 50 gradi Fahrenheit e si ferma completamente a 45 gradi Fahrenheit, il che significa che diventerà dormiente e non guadagnerà forza. Se ti aspetti di versare il calcestruzzo e utilizzarlo in un paio di giorni, rimarrai deluso. Quando le temperature scendono, il nuovo calcestruzzo dovrebbe essere coperto con coperte isolanti in cemento (o, con un pizzico di inventiva, vecchie coperte domestiche!). Proteggi il nuovo calcestruzzo dal freddo per i primi due o tre giorni, fino ad arrivare a una settimana se fa molto freddo, dopodiché dovrebbe essere abbastanza forte da poterlo gestire senza rischio di rotture.

NON verniciare o macchiare il calcestruzzo nel primo mese.

Qualsiasi vernice o macchia applicata al calcestruzzo giovane mentre si sta ancora indurendo può venire influenzata negativamente dall’umidità residua o dal cambiamento del contenuto chimico nel calcestruzzo. Ci vuole circa un mese per consumare tutta l’acqua nel processo di idratazione. Spennellare la vernice troppo presto mentre l’umidità continua a risalire in superficie può esercitare pressione sotto la dura barriera della vernice, facendola staccare o rompere il legame. Per questo motivo, anche la vernice potrebbe non aderire e potrebbero rovinarsi anche il colore finale e l’aspetto del calcestruzzo colorato. Per ottenere i migliori risultati, attendi fino al termine del periodo di 28 giorni per applicare vernice o altro colore.

NON sottoporre il nuovo calcestruzzo ad un peso eccessivo.

Sebbene il calcestruzzo si indurisca subito dopo il versamento, è ancora suscettibile ai danni del peso durante le prime quattro settimane. Attendere almeno 24 ore prima di consentire il traffico pedonale, compresi gli animali domestici, su un marciapiede o una lastra appena versati e non guidare un veicolo su un nuovo vialetto per almeno 10 giorni. Successivamente, puoi guidare normali autovetture sul cemento; pickup pesanti o camper possono marciare sul vialetto una volta che il calcestruzzo ha raggiunto la sua piena forza, ossia dopo circa 28 giorni.