Metodi di irrigazione del giardino

Lo sviluppo delle tecnologie di irrigazione ha permesso di non dipendere dalle condizioni atmosferiche per fornire la giusta acqua a piante, giardini o coltivazioni. Se stai pensando di realizzare un impianto di irrigazione interrato, perché sei stanco di irrigare manualmente il prato del tuo giardino, leggere questa semplice guida ti sarà di aiuto. Non è necessario essere un esperto giardiniere, ma tra le prime cose da valutare, prima di procedere al’istallazione, ci sono i costi del materiale necessario e la conoscenza delle varie tipologie di impianti di irrigazione per giardino. Un’ irrigazione corretta e regolare vi permetterà di avere piante in buona salute o uno splendido manto erboso nel vostro giardino.
La scelta di un metodo piuttosto che un altro dipende dalla disponibilità idrica e fonte di approvvigionamento, la morfologia del terreno, il clima, il tipo di coltura etc.
Esistono 5 diversi metodi irrigui:

  • metodo per sommersione
  • metodo per scorrimento
  • metodo per aspersione o a pioggia
  • metodo per aspersione
  • metodo per subirrigazione.

Metodo per sommersione

Il terreno viene suddiviso in scomparti attraverso argini e arginelli, e successivamente riempito d’acqua; passando da un percorso chiamato caldana arriva agli appezzamenti dove permane per periodi più o meno lunghi. Il terreno può avere sistemazioni rettangolari delimitati da argini o conche circolari in prossimità della chioma degli alberi oppure viene suddiviso in scomparti più o meno grandi, livellate e indipendenti l’una dall’altra. Questo è il metodo di irrigazione tipico del riso.

Metodo per scorrimento

Un metodo di irrigazione a gravità. Il vostro giardino, sul quale istallare questa tipologia di irrigazione, dovrebbe essere dotato di una certa pendenza. Da un fossetto posto a monte della zona da innaffiare, l’acqua scorre sulla superficie sotto forma di un velo sottile e uniforme fino a raggiungere i grado di saturazione desiderata. L’ eccesso va a depositarsi a valle mediante un fossetto colatore. Ideale se il giardino è di dimensioni più corte che larghe e se il terreno è di tipo permeabile. I costi da considerare sono quindi quelli per la manutenzione delle adacquatrici e del fossetto colatore. Adatto per essere utilizzato in grandi spazi e colture specfiche.

Metodo per aspersione o a pioggia

Il componente principale di questo impianto di irrigazione è il getto che può essere posizionato su macchine irrigatrici, con strutture statiche o su rotoloni semoventi o autoavvolgenti. L’irrigazione può essere programmata e al termine gli irrigatori tornano alla posizione iniziale; ne esistono anche di tipi a scomparsa posti a 60 cm dal suolo cosi da risultare discreti e rende possibile ogni tipo di lavorazioni del terreno. Sono consiglianti se il vostro giardino è uniforme e regolare. Il vantaggio di questo tipo di irrigazione è la sua completa automazione con un controllo a distanza o attraverso GSM. Vi permetterà di economizzare i volumi d’acquamento e rende minima la vostra manodopera. Tra i costi da considerare oltre all’istallazione iniziale ci sono quelli dell’energia impiegata al fine del funzionamento e quelli di manutenzione del sistema. Sconsigliato in zone molto ventose in tutti periodi dell’anno dove si avrebbe una dispersione inutile di acqua. Con questo metodo il terreno può assorbire l’acqua a piacimento senza che le radici rischino di marcire.

Metodo per aspersione

L’irrigazione per aspersione simula le precipitazioni e viene usato su ogni tipo di giardino e terreno; consente di gestire l’acqua in maniere intelligente ed erogarla perfettamente dove occorre. La pressione idrica e la gittata degli irrigatori possono variare sensibilmente. Ideale nella fase iniziale del tetto della semina perchè le dimenzioni delle gocce d’acqua non danneggiano la germinazione. Il terreno quindi risulta mantenere sempre condizioni di umidità ottimali. Di facile applicazione e manutenzione con costi ammortizzabili in poco tempo.

Metodo per subirrigazione

L’irrigazione per subirrigazione viene adottata per lo scarico di acque reflue provenienti da impianti preposti allo scopo.
Questo metodo sfrutta i sistemi più efficaci e moderni grazie all’uso di ali gocciolanti (gocciolatori in line) interrate e con distanze variabili in funzione del tipo di giardino o terreno. Garantisce un risparmio idrico in quanto, rispetto a un normale sistema a goccia, i minerari disciolti nell’acqua raggiungono immediatamente l’apparato radicale senza dispersione di liquidi. Può essere sfruttato anche in condizioni di scarsa disponibilità idrica, ma sconsigliato in zone dove si effettuano lavorazioni troppo profonde.
La subirrigazione è un dispositivo con il quale si ottimizza lo smaltimento delle acque che filtrando attraverso il terreno vengono naturalmente depurati. L’acqua attraverso tubazione sotterranee fuoriesce da apposite aperture arrivando alle radici delle piante. Un impianto correttamente usato può durare anche più di 20, risultando un investimento a lungo termine.